Rap Italiano

  • Apple Music Home Session: Ernia

    NUOVO ALBUM

    Apple Music Home Session: Ernia

    Ernia

  • Madreperla

    NUOVO ALBUM

    Madreperla

    Guè

  • Allenarsi a ritmo di rap italiano

    NUOVA PLAYLIST

    Allenarsi a ritmo di rap italiano

    Apple Music Rap Italiano

    Dalla scena tricolore, rime, beat e melodie motivazionali.
  • Chill rap

    PLAYLIST IN PRIMO PIANO

    Chill rap

    Apple Music Hip-Hop/Rap

    Un’accurata selezione di novità hip-hop morbide e soffuse.
    • Bella Fregatura (Apple Music Home Session)
    • Ernia
    • Guasto D'Amore
    • Bresh & SHUNE
    • Cookies N' Cream
    • Guè, ANNA & Sfera Ebbasta
    • Lamette (feat. Salmo)
    • Rose Villain
    • MONDAY (feat. Shiva & Michelangelo)
    • Geolier
    • Underrated
    • Mostro
    • Welcome To Favelas
    • Speranza & Don Joe
    • Nessuno
    • Sacky & Nko
    • Da Solo
    • Vegas Jones, Nitro & Nayt
    • IMPORTANTE
    • Marracash
    • Lo-fi For U
    • Tedua & SHUNE
    • Alleluia (feat. Sfera Ebbasta)
    • Shiva
    • MILANO BY NIGHT
    • Inoki, DJ Shocca, Emis Killa & Jake La Furia
    • SATELLITE
    • MILES
    • MONEY
    • Geolier
    • Take 4
    • Shiva
    • Latitanza (feat. Izi)
    • Disme

Stazioni radio

Informazioni

Prima che anche in Italia si iniziasse a fare sul serio, negli USA il rap aveva attraversato il Paese da costa a costa, diventando un fenomeno mainstream. Quando, nei primi anni '90, i giovani anticonformisti dei centri sociali iniziarono a mettere in rima e a cantare ideali politici, nessuno si sarebbe mai immaginato il seguito di pubblico che avrebbe potuto ottenere il rap, visto, fino ad allora, come fenomeno esclusivo del mondo anglofono. Oltre ai ragazzi delle Posse, gli Articolo 31 di J-Ax e i Sangue Misto di Neffa sono alcuni dei rapper che hanno iniziato ad utilizzare una lingua melodica e dolce come l'italiano in modo ribelle e anticonvenzionale. Il successo è grande e il rap inizia finalmente a ottenere il posto che merita nella musica dello stivale.

Nuovo il millennio, nuove le voci che iniziano a calcare i palcoscenici e le competizioni di freestyle delle città italiane. A fare giustizia al rap nostrano dai primi anni 2000 sono i testi di giovani come Fabri Fibra, Nesli, Frankie Hi NRG e i Club Dogo che, come da "tradizione", portano alla luce tematiche spesso scomode e le cantano "senza peli sulla lingua". Il pubblico che li segue è diventato vasto come la varietà di artisti che popola il genere, da quelli più commerciali, che sbancano nei negozi di dischi, a quelli underground e dissociati dalle major discografiche. Negli ultimi anni, è diventata prassi trasmettere alla radio le rime di Fedez, Emis Killa e delle altre nuove leve, ben istruite dalla "old school" di fine millennio e dai suoi successori. Con la cultura hip hop americana ben tatuata nella testa e nel cuore, il rap tricolore è ora un murales disegnato da diverse generazioni di MC e non sembra voler smettere di far sentire la propria voce.