12 brani, 48 minuti

NOTE DELLA REDAZIONE

Indirizzato sul fronte psichedelico dell’indie rock, Kurt Vile dà alle stampe un album che si apre deciso alla melodia e rivela raffinate intenzioni d’avanguardia. In una nebulosa di effetti lo-fi, il flusso di coscienza del musicista statunitense scorre lungo linee vocali mesmeriche, sostenuto da progressioni acustiche di stampo folk, jangle chitarristici e soffici arrangiamenti jazzati. Tra cantilene ombrose e ballate oniriche, ‘Jesus Fever’ dà spazio a un orecchiabile spiraglio power pop.

NOTE DELLA REDAZIONE

Indirizzato sul fronte psichedelico dell’indie rock, Kurt Vile dà alle stampe un album che si apre deciso alla melodia e rivela raffinate intenzioni d’avanguardia. In una nebulosa di effetti lo-fi, il flusso di coscienza del musicista statunitense scorre lungo linee vocali mesmeriche, sostenuto da progressioni acustiche di stampo folk, jangle chitarristici e soffici arrangiamenti jazzati. Tra cantilene ombrose e ballate oniriche, ‘Jesus Fever’ dà spazio a un orecchiabile spiraglio power pop.

TITOLO DURATA

Altri brani di Kurt Vile

Ti potrebbe piacere