13 brani, 50 minuti

NOTE DELLA REDAZIONE

Come dare degno seguito a un album di debutto che ti ha reso una delle più celebri band americane dei primi anni 2010? Esattamente così. Il quartetto di Las Vegas non si è per nulla allontanato dalla propria miscela di pura energia modern-rock (più volte premiata disco di Platino), ritornelli pop e produzione dalle influenze R&B, tuttavia ha rimescolato le carte in gioco per garantirsi un vero e proprio slancio in avanti. "I'm So Sorry" si impernia attorno energici riff hard-rock, mentre il singolo "Gold" dona un accenno di musica latino-americana a un ritmo contagioso. "Dream" si sviluppa su dolci accordi al pianoforte e il profondo e sommesso fraseggio di Dan Reynolds. Giunti all'eterea "The Fall", il risultato è un trionfante secondo album di una band che difficilmente si lascia catalogare.

NOTE DELLA REDAZIONE

Come dare degno seguito a un album di debutto che ti ha reso una delle più celebri band americane dei primi anni 2010? Esattamente così. Il quartetto di Las Vegas non si è per nulla allontanato dalla propria miscela di pura energia modern-rock (più volte premiata disco di Platino), ritornelli pop e produzione dalle influenze R&B, tuttavia ha rimescolato le carte in gioco per garantirsi un vero e proprio slancio in avanti. "I'm So Sorry" si impernia attorno energici riff hard-rock, mentre il singolo "Gold" dona un accenno di musica latino-americana a un ritmo contagioso. "Dream" si sviluppa su dolci accordi al pianoforte e il profondo e sommesso fraseggio di Dan Reynolds. Giunti all'eterea "The Fall", il risultato è un trionfante secondo album di una band che difficilmente si lascia catalogare.

TITOLO DURATA

Altri brani di Imagine Dragons