10 brani, 43 minuti

NOTE DELLA REDAZIONE

Noel Gallagher ha iniziato a comporre “Lock All the Doors” all'inizio degli anni ’90, prima di raggiungere la fama mondiale con la sua produzione negli Oasis. Ricchissima di sound di chitarre in crescendo e trascinanti percussioni, la traccia ora terminata è un indiscutibile brano di spicco di Chasing Yesterday, il secondo album in studio della leggenda del rock britannico con il suo nuovo progetto musicale High Flying Birds. “Lock All the Doors” non è però un banale ritorno alle origini, e lo spirito di Chasing Yesterday non è così nostalgico come il nome potrebbe suggerire. Entrambi rappresentano una degna testimonianza dell'evoluzione dell'orecchio musicale di Gallagher verso un rock profondamente melodioso e di stampo corale, come riecheggia anche nelle sonorità psichedeliche dalle influenze jazz di “Riverman” e in “Ballad of the Mighty I”, il brano di chiusura in strettissima collaborazione con Johnny Marr.

NOTE DELLA REDAZIONE

Noel Gallagher ha iniziato a comporre “Lock All the Doors” all'inizio degli anni ’90, prima di raggiungere la fama mondiale con la sua produzione negli Oasis. Ricchissima di sound di chitarre in crescendo e trascinanti percussioni, la traccia ora terminata è un indiscutibile brano di spicco di Chasing Yesterday, il secondo album in studio della leggenda del rock britannico con il suo nuovo progetto musicale High Flying Birds. “Lock All the Doors” non è però un banale ritorno alle origini, e lo spirito di Chasing Yesterday non è così nostalgico come il nome potrebbe suggerire. Entrambi rappresentano una degna testimonianza dell'evoluzione dell'orecchio musicale di Gallagher verso un rock profondamente melodioso e di stampo corale, come riecheggia anche nelle sonorità psichedeliche dalle influenze jazz di “Riverman” e in “Ballad of the Mighty I”, il brano di chiusura in strettissima collaborazione con Johnny Marr.

TITOLO DURATA

Altri brani di Noel Gallagher's High Flying Birds